Supposta del 21/04/2016: La mediocrità.

download

QUANDO SI DISCUTEVA DEL REFERENDUM SULLE TRIVELLE E QUALCUNO CONIO’ LA CELEBRE FRASE : “Perchè c’è il mare a Mascalucia?”

***
Avrei voluto scrivere qualcosa di divertente, satirico , irriverente per parlarvi del Consiglio Comunale del 20 aprile.
Lo confesso, dopo 5 minuti , mi è calata la palpebra e mi sono addormentato.
Ma cosa avrei dovuto ancora raccontarvi, se non la mediocrità di quattro presunti politicanti , nostri rappresentati, eletti da noi in quanto anche NOI siamo mediocri?
Io mi sento mediocre ad essere rappresentato da questi.
Io mi sento mediocre ad essere rappresentato da CHI fa un intervento senza saper mettere in fila un discorso composto da quattro parole di senso compiuto.
Io mi sento mediocre, nell’essere rappresentato, da CHI ridicolizzando il referendum sulle trivellazioni, si rivolge al Presidente del Consiglio Comunale , dicendo “Perché c’è il mare a Mascalucia?”.
Ecco, detto questo, perché dovrei raccontarvi quello che è accaduto nel Consiglio Comunale di ieri?
Non ve lo meritate, anzi se lo meriterebbero solo quel 32.2% di mascalucioti che, in barba alle colossali cazzate sentite in TV da media prezzolati e disinformati, si sono alzati e, civilmente e civicamente, sono andati al VOTO.
Bravi, anche io faccio parte di questo bel 32.2%. Per il resto, rispetto chi è andato a votare per il NO. Non rispetto l’astensionismo, perché l’Italia NON puo’ essere nelle mani degli astensionisti, di gente a cui NON frega nulla e che poi va a lamentarsi dello “status quo”. Le regole si cambiano in cabina elettorale, se siamo un popolo civile ed evoluto, altrimenti facciamo una guerra civile e chi si è visto, si è visto 🙂
Torniamo alla frase “Perché c’è il mare a Mascalucia?” con il quale, si tenta di mettere in ridicolo il quesito referendario. Faccio presente che l’autore della frase ha anche postato sul suo profilo, copia del certificato elettorale di avvenuta votazione, pronunciandosi per il SI. Quindi da una parte si vota SI per dettame di partito, poi lo si sconfessa in aula con una frase del genere? Incoerenza totale, ma siamo abituati ai voltafaccia politici.
A costui/costoro, vorremmo fare un piccolo riepilogo di storia nazionale, qualora avessero dimenticato cio’ che è avvenuto nel passato, nella nostra beneamata Italia.
UN referendum NON è una minchiata da irridere, NON è una farsa, NON è “ a me chi m’interessa?”.
E’ una cosa seria, anzi serissima.
Se oggi siamo una Repubblica, è perché un referendum tra gli Italiani, ci dette l’opportunità di scegliere tra Repubblica e Monarchia. Altrimenti oggi saremmo ancora con i vari Umberto, Vittorio Emanuele ed Emanuele Filiberto. Sai che gioia.
Si, Emanuele Filiberto proprio quello che va a fare lo stupido in TV. Con tutta onestà, mi terrei il Berlusca ed è tutto dire.
Se oggi sono leggi dello Stato, battaglie di civiltà quali il divorzio e l’aborto, NON è dovuto di certo alla lungimiranza dei nostri politici, ma al fatto che ci sono stati referendum promossi da alcune forze politiche e VINTI.
Ecco, il “Perché c’è il mare a Mascalucia?” sottinteso di “A me che me ne frega delle trivelle” , NON solo è indice di scarsa conoscenza della storia referendaria in Italia, ma è sintomo di mediocrità politica.
Ecco, perché mi sento mediocre, ecco perché dovete sentirvi mediocri.
Se noi siamo mediocri, sono mediocri i rappresentanti che abbiamo eletto, saranno mediocri le loro politiche per Mascalucia, saranno mediocri i rattoppamenti delle stradi, sarà mediocre la pubblica illuminazione, saranno mediocri tutto quello che vorranno fare ed organizzare.
Ed allora, perché parlare di mediocrità.
Io lascio, non li commento piu’, non posso commentare la mediocrità, ho altro da fare. Cose migliori per me, per la mia famiglia, per i miei amici, per chi mi vuole bene , per i miei genitori, per il mio paese, per la mia vita.
Perché è sbagliato dire che il Carnevale di una volta non c’è piu’ a Mascalucia.
Là dentro, il Carnevale esiste ancora ed è tutti i giorni.
Ed il mare a Mascalucia, no, non c’è, hai ragione, TRANNE quando piove.
Lì si che ci vorrebbero le TRIVELLE per sturare i nostri tombini.
Attrezzati di pinne, fucili ed occhiali, quindi.
A Novembre si va al mare.
A Mascalucia,certo.
Vieni anche tu?

Dr.Strange

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...