Progetto museale per Vito Reina, il sarto-pittore?

76905946_2666083526790389_8968822961742020608_o

“Io sono un sarto, ma fin da piccolo amavo l’arte. Ma come facevo?
I miei genitori erano poveri, quindi non potevamo mandarmi a scuola.
Mio padre di mestiere faceva il Fabbro e, dato il progresso delle macchine, non ha piu’ potuto lavorare.
E così dovetti sospendere di andare a scuola, e l’unica cosa da fare era andare “o mastru” ad imparare un mestiere che mi consentisse di aiutare la famiglia.
Ma quella passione che avevo per l’Arte, quel demone come si sol dire che, per lungo tempo era rimasto a dormire dentro di me, improvvisamente si è svegliato.
Accadde un fatto. Era l’anno 1936 e mia moglie era appassionata di fare fiori di panno e sul tavolo vi erano molti colori di questo panno.
Accanto c’era una cartolina illustrata con il disegno di una gondola veneziana, chissà chi l’aveva mandata.
A quella vista, la mia mente vagava, pensava “se io in questo momento fossi stato un pittore”. E’ stato un lampo, un attimo, dentro di me si accese quella passione che avevo per
l’arte e che aveva dormito per tanti anni.
Ora Si che posso fare il pittore, ma intanto i ferri del mo mestiere : ago, filo, forbice e panno colorato mi guardavano offesi. E pensavano “Come mai il nostro padrone, ci puo’
abbandonare così facilmente , dopo che noi l’abbiamo voluto tanto bene e l’abbiamo aiutato nei momenti piu’ difficili e per tanti anni?”
“Noi crediamo di aver fatto sempre il nostro dovere” pensa l’ago, “si, ma qualche volta l’ho punto anch’io.”
“Ricordo una volta mentre si stirava una giacca , ero troppo caldo” disse il ferro da stiro “ed ho bruciato un po’, ma è stata una disattenzione del padrone”. E così via dicendo.
Ma io li ho rassicurati, dicendo loro : “Miei cari compagni di lavoro, come mai potete pensare cose simili, dopo che voi mi siete stati fedeli per tutta la vita a lavorare insieme?
Come potete pensare che vi lasci?. Anzi debbo dirvi, che da oggi in poi, non vi lascerò mai piu’, perchè ho bisogno di voi piu’ di prima, per un’impresa molto piu’ difficile di quella
che abbiamo fatto finora”.
“Ora si tratta di arte, di pittura, ma di una pittura tutta nostra, di una mia creazione senza pennelli e senza colori, ma solo della vostra collaborazione cioè di filo, forbice , ferro e
panno colorato. Quindi come vedete, non è cambiato nulla rispetto a prima. Voi siete state fedeli compagne di lavoro sempre e sempre lo sarete.
Ma questa volta è arte, quindi si deve stare molto piu’ attenti di prima, perchè questo lavoro richiede molta piu’ passione di prima. Ora non si tratta di essere presuntuoso, ma solo di far capire che pur facendo a meno di pennelli e colori , si puo’ fare della onesta e simpatica pittura. Questo è tutto e non mi sembra poco.
Questo è dimostrato dall’interessamento della stampa nazionale ed internazionale , dai critici documentaristi del cinema, della R.A.I TV , dai premi avuti, dalle medaglie d’oro, Tripoli, Bruxelles e New York e per finire a
Washington Casa Bianca che per me è stata la piu’ grande gioia.
Ricevetti una lettera di congratulazioni dalla famiglia Kennedy, quando era Presidente, il
defunto John Kennedy.”

Washington, December 29 , 1961.
Firmato. Vito Reina

 

Le nostre eccellenze Mascaluciote sono da sempre destinate all’oblio.
Non esiste una sala dedicata a loro, in posto dove perpetuarne la memoria.
Lancio una proposta di un progetto museale per Vito Reina, sarto pittore Mascalucioto ed uno degli artisti che più ha dato lustro al nostro Paese.
Lo scritto di cui sotto è derivato da un testo originale dattiloscritto dallo stesso Vito Reina, in mio possesso.

Articolista: Giuseppe Reina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: