Scatti dal Contest Sicilia Dime Novels

La dolcissima foto che vedete in copertina, riassume una serata ricca di emozioni, durante la quale la parola d’ordine è stata CULTURA in tutte le sue forme ed espressioni. Il vincitore del Contest Christian Leone Magrì, visibilmente commosso, riceve il Premio da Anastasia Zuccarello, vincitrice della scorsa edizione. Un racconto, CHIUDO GLI OCCHI E RESPIRO, dedicato alla madre scomparsa, che ha emozionato giuria e pubblico in platea.

Sul palco anche il secondo e terzo classificato, Maria Lucia Riccioli e Daniela Ginex, rispettivamente con le dime “Sul filo della memoria” e “Il miracolo”. Due racconti, completamente diversi fra loro per stile e tema trattato ma che ha messo d’accordo la giuria sull’assegnazione in classifica. A premiare Alfio Grasso, per Algra Editore, e l’Arch. Vincenzo Magra, n.q. di Sindaco di Mascalucia, comune patrocinatore del concorso.

Vincitrice, invece, della Sezione Speciale C’era una volta in Sicilia è Agata Montesanto con il suo racconto per bambini, “Un progetto meraviglioso”. Una storia ambientata in un’aula scolastica che vede protagonista il bambino Augusto alla prese con un compito molto particolare. L’intero racconto è scritto in rima con una leggerezza tale da indurre chi legge a non voler smettere. Premia Luna Bimonte, illustratrice fiorentina che si è occupata della realizzazione del logo del contest e che ringraziamo vivamente.logo C'era una volta in Sicilia

Anche quest’anno, Mascalucia Doc, rappresentata dal Presidente Giuseppe Reina, ha voluto assegnare il Premio Speciale Camilleri, scelto dall’organizzazione e non dalla giuria, dedicato al grande maestro siciliano, che sapeva affrontare temi sociali delicati ed attuali denunciandone i lati più celati. A ricevere questo premio, è stato Clemente Cipresso e il suo “Sopra il filo di una ragnatela”, Dime ambientata a Lampedusa in un centro medico di prima accoglienza profughi.0056 - Sicilia Dime Novels 2020

Novità molto gradita ed apprezzata, da chi ha avuto l’onore di conoscere il grande regista  e attore Giovanni Cutrufelli, è stata la scelta da parte dell’Associazione Culturale Mascalucia Doc di dedicare un Premio Speciale alla sua memoria. La Dime che più si presta ad essere rappresentata a teatro e che ricorda tanto le Novels Pirandelliane tanto amate da Cutrufelli, è LE PRATICHE D’UFFICIO di Antonino Impellizzeri, premiato dall’attrice e moglie del compianto Cutrufelli, Gigliola Reyna che salendo sul palco ci ha deliziato con dei simpatici aneddoti che riguardano il marito.

La serata si è svolta con tanti momenti dedicati alla cultura e allo spettacolo, egregiamente annunciati da Flaminia Belfiore che si conferma grande professionista e protagonista indiscussa delle kermesse siciliane.

Ospiti della serata, che hanno trasformato un Gala di premiazione in uno spettacolo sotto le stelle, quelle del Parco Trinità Manenti di Mascalucia, sono stati la Rock Band catanese del momento, I NONOISE, la soprano Paola Marchese che ha omaggiato il maestro Ennio Morricone e il duo di attori della Compagnia del Teatro Stabile di Mascalucia Andrea Zappalà ed Andrea Luca.

Vogliamo ringraziare la giuria di quest’anno che ha dovuto affrontare un grande lavoro di lettura di ben 83 Dime totali iscritte al concorso, a partire da Flaminia Belfiore, vera madrina del Contest, e poi, Paola Marchese, Simona Zagarella, Riccardo Renda, Alex Brown, Fabia Mustica, Grazia Calanna, Maria Grazia Sapienza, Riccardo Francaviglia e Margherita Sgarlata.

Una menzione speciale, va allo staff di Mascalucia Doc che ha lavorato duramente in questi mesi per far sì che tutto andasse per il meglio, senza nessuno scopo personale ma con la sola voglia di piantare dei semini di cultura laddove c’è un terreno arido che ha bisogno di essere continuamente coltivato, nella speranza che un giorno possa germogliare qualcosa di buono,  grazie a Giuseppe Reina, Maria Regina Betti, Giulio Pappa, Grazia Restivo, Flavia Caruso, Simona Zappalà, Giovanni D’Agata, Maria Grazia Sapienza e Paolo Aurite.

 

Foto di Maria Regina Betti, ne è vietato l’utilizzo e la diffusione senza autorizzazione della stessa e dell’Associazione Culturale Mascalucia Doc.

 

 

 

 

 

 

 

 

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: