Approfondimenti - Luglio 5, 2019

Biagio Amantia, il “Manager” delle Feste Patronali.

    Chi era Biagio Amantia? Molti soprattutto coloro che hanno qualche capello bianco,lo ricordano come “semplice” portalettere,sorridente e rubicondo. Ma tutti sappiamo che Biagio Amantia non era solo questo, anzi era tutt’altro che questo. La cosa piu’ evidente che balzava agli occhi, in presenza di Biagio, era la stazza : un omone grande e […]
Di Giuseppe Reina

...

 

 

Chi era Biagio Amantia?
Molti soprattutto coloro che hanno qualche capello bianco,lo ricordano come “semplice” portalettere,sorridente e rubicondo.
Ma tutti sappiamo che Biagio Amantia non era solo questo, anzi era tutt’altro che questo.
La cosa piu’ evidente che balzava agli occhi, in presenza di Biagio, era la stazza : un omone grande e grosso da cui scaturiva un senso di grande umanità.
Ma, qui di certo, non vogliamo celebrare la sua carriera “postale”, bensì le due straordinarie doti organizzative.
La sua vita “parallela” è indissolubilmente legata alla Festa di San Vito di cui, per tantissimi anni, fu presidente del locale Comitato di festeggiamenti, nonchè principale “deus ex-machina”di tutto l’apparato festaiolo.
Ma durante i suoi anni di vita mascaluciota, lo ritroviamo ovunque, sia nell’organizzazione di feste che di eventi connessi, di concorsi sportivi, gimkane e quant’altro. Lui c’era sempre, era una sua dote, una sua passione, una sua prerogativa.
Era “‘u mastru di festa” per eccellenza, Il “bummaro” piu’ accanito per antonomasia, e diciamolo pure il prototipo del “mascalucioto” tipo che ama festa,i fuochi d’artificio, calia&simenza e tutto quanto fa spettacolo.

Ma genuina era la sua fede per San Vito.
Senza di lui, tanti avvenimenti che ricordiamo o cui cui abbiamo scritto in altre occasioni ,non sarebbero mai stati realizzati.
Un’ottima persona,uno straordinario “manager” al servizio di Mascalucia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.