Foto storiche - Aprile 18, 2021

Catania nell’agosto del 1943!

Ero lì! – Catania era una città di caos e desolazione The War Illustrated, Volume 7, No.162, Pagina 220, 3 settembre 1943. Sia prima che dopo la fuga dei tedeschi da Catania si assistette in città a scene sorprendenti. Come rivela questo dipinto siciliano in prima linea (datato 6 agosto 1943) di un corrispondente speciale […]
Di Giuseppe Reina

...

Ero lì! – Catania era una città di caos e desolazione

The War Illustrated, Volume 7, No.162, Pagina 220, 3 settembre 1943.

Sia prima che dopo la fuga dei tedeschi da Catania si assistette in città a scene sorprendenti. Come rivela questo dipinto siciliano in prima linea (datato 6 agosto 1943) di un corrispondente speciale del Daily Telegraph, il caos regnava sovrano. Solo qualche tempo dopo l’entrata delle nostre truppe, il 5 agosto, l’ordine fu completamente ripristinato.

Catania ha tutta l’aria di una città congelata nell’immobilità. Di tutte le città conquistate che ho visto, non ce n’è stata nessuna in cui la macchina della vita civile si sia fermata così completamente. Non c’erano segni di negozi o hotel aperti. Era in completo contrasto con Tripoli, dove entro cinque ore dall’arrivo delle prime truppe britanniche gli ufficiali britannici prenotavano camere da letto e venivano serviti il pranzo da camerieri in camice bianco nei ristoranti.

Ma Catania è una città desolata. Dei suoi 250.000 abitanti, solo 50.000 erano rimasti al nostro arrivo, e di questi 30.000 dormivano abitualmente nei rifugi antiaerei. Questo è stato l’effetto del nostro bombardamento, molto più grave di quanto ci si aspettasse. Questa popolazione rimanente aveva vissuto un’esistenza corpo a corpo.

La partenza dell’ultima delle truppe nemiche segnò il crollo di ogni parvenza di ordine a Catania e iniziò il saccheggio delle botteghe. Peggio in via Vittore Emanuele, subito al confine con la piazza centrale, il Piazzo del Duomo.

Qui la popolazione era entrata nei negozi. In piedi su un balcone fuori dalle finestre del primo piano, vidi uomini che lanciavano balle dopo balle alla popolazione sottostante. C’erano donne che portavano braccia piene di calze di seta e i loro abiti scialbi da classe operaia – solo i più poveri erano rimasti a Catania – erano in netto contrasto con le sciarpe di seta gay appena acquisite che indossavano intorno alla testa o alle spalle.

Ho avuto una lunga conversazione ieri mattina con il sindaco di Catania, il marchese di San Giuliano, subito dopo la resa formale del comune. Le truppe fecero un’avanzata pacifica nel luogo. Non ci sono stati scontri di strada, nonostante le segnalazioni contrarie. Il sindaco è un nipote del marchese di San Giuliano, già ambasciatore in Gran Bretagna, che come ministro degli Esteri sotto il signor Salandra nel 1914 fu in gran parte responsabile per aver trattenuto l’Italia dall’entrare in guerra dalla parte della Germania.

Il sindaco aveva ricevuto molti insulti dai tedeschi durante la loro occupazione di Catania. In un’occasione la sua macchina era stata fermata per strada ed era stato coperto con una mitragliatrice mentre il contenuto della sua macchina era stato saccheggiato dai soldati tedeschi. In un’altra occasione un certo numero di ufficiali tedeschi sono entrati in casa sua alle 4 del mattino e hanno insistito per alloggiarvi lì. Non essendoci abbastanza letti per tutti sono risultate tre donne parenti del sindaco.

Infine, quella stessa mattina, mentre entrava in città dalla sua villa a nord di Catania, il sindaco fu trattenuto dai soldati tedeschi, che lo cacciarono fuori dalla macchina, dicendogli che era ricercato per portare le munizioni a una batteria nelle vicinanze. Doveva andare in città.

“Fortunatamente”, ha aggiunto, “sono passati solo pochi minuti prima di incontrare un ufficiale al comando delle vostre truppe avanzate e credo di essere stato in grado di fornirgli alcune informazioni utili sulla posizione di quella batteria”.

Questo deterioramento della condotta dei soldati tedeschi nei confronti dei civili di un paese tecnicamente alleato è diventato molto marcato negli ultimi mesi, in particolare dalla fine della campagna tunisina. Ma il cambiamento nel loro comportamento nei confronti dei civili sembra essere andato di pari passo con la loro consapevolezza che la guerra non poteva più essere vinta.

“Quando la Luftwaffe arrivò per la prima volta in Sicilia all’inizio del 1941”, ha detto il sindaco, “erano un popolo allegro, ridente, allegro. Si divertivano ad ascoltare la radio, che raccontava sempre nuove vittorie tedesche. La data che ci hanno dato allora per la fine della guerra era luglio 1941 “.

“Poi è arrivata la campagna di Russia, e subito i tedeschi hanno cominciato ad ammettere di aver calcolato male la forza della Russia. Ma erano ancora convinti della vittoria. La Tunisia è stata il vero shock. Mi avevano detto che avrebbero mantenuto il loro punto d’appoggio in Africa. Sono rimasti sbalorditi dalla completezza della loro sconfitta. “

“Dopo di che il loro atteggiamento era completamente diverso. Non si è mai più sentito ridere e scherzare, e sembrava che non ascoltassero così tanto la radio. Poi hanno cominciato a incolpare noi italiani perché la guerra stava arrivando in Sicilia “.

Durante gli ultimi giorni di occupazione i tedeschi iniziarono senza vergogna a saccheggiare. A quel punto c’era poco cibo a disposizione, quindi portarono via mobili, letti, coperte, lenzuola, quadri, coltelli, forchette e utensili domestici.

Come prevedibile, la tensione tra italiani e tedeschi è diventata molto marcata. Fra un paio di giorni sarebbero probabilmente scoppiati tra loro per le strade di Catania. Nel vicino villaggio di Mascalucia la popolazione si oppose con la forza al tentativo delle truppe tedesche di requisire i propri muli. Diversi civili sono stati uccisi durante la resistenza prima che i carabinieri italiani arrivassero e cacciassero i loro alleati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.